Lamawaterjet » LAVORAZIONE LAMIERE ROMA » La lavorazione delle lamiere di ottone
La lavorazione delle lamiere di ottone2018-09-05T08:23:27+00:00

La lavorazione delle lamiere a Roma: le lamiere di ottone

Produciamo anche tavole in ottone, piani, rivestimenti per cucina e altri oggetti..

Di seguito sono riportate informazioni generali su una selezione di ottoni basati sul rapporto di rame / zinco:

  • metallo dorato:Lavorazione lamiere: le lamiere ottonate 2 (90% Cu + 10% Zn), CZ101, Bronzo Oro colore, tipicamente utilizzato per funzionalità architettoniche, ornamenti, gioielli, base di smalto vitreo, badge.
  • Metallo dorato:
    (85% Cu + 15.% Zn), CZ102, Tan Gold colore, Ottone Rosso, tipicamente utilizzato per applicazioni architettoniche.
  • Ottone:
    (80% Cu + 20% Zn), CZ103, Golden Color, tipicamente utilizzati per il trim decorativo.
    Ottone della cartuccia:
    (70% Cu + 30% Zn), CZ106, colore verde oro, proprietà altamente duttili e buone.
  • Ottone comune:
    (63% Cu + 37% Zn), CZ 108, colore giallo, ottone per ottica;
  • Incisione Ottone:
    (59% Cu + 39% Zn + 2% PB), CZ120, Colore della placca in ottone, Contiene un po ‘di piombo per una lavorazione facile.

L’ottone è caratterizzato dalle sue proprietà versatili che vengono modificate cambiando i rapporti di rame e zinco e aggiungendo altri elementi come stagno e alluminio.

La modifica delle composizioni in lega influisce sulla lavorabilità, sulle proprietà di lavorazione a freddo, sulle proprietà di brasatura, sulla duttilità, sulla piastrabilità, sulla resistenza alla corrosione, sulle proprietà meccaniche, sulla resistenza agli urti e sul colore.

I riferimenti incrociati CZ108 sono: UNS – C27200, ISO – CuZn37, EN – CW508L

L’ottone è una lega metallica in rame e zinco; Le proporzioni di zinco e rame possono essere variate per creare una gamma di ottoni con variabili proprietà È una lega sostitutiva: gli atomi dei due componenti possono sostituirsi all’interno della stessa struttura cristallina.

Per confronto, il bronzo è principalmente una lega di rame e stagno. Tuttavia, il bronzo e l’ottone possono anche includere piccole proporzioni di una gamma di altri elementi, tra cui arsenico, fosforo, alluminio, manganese e silicio. Il termine è applicato anche ad una varietà di brass, e la distinzione è in gran parte storica. La pratica moderna nei musei e nell’archeologia evita sempre più entrambi i termini per gli oggetti storici a favore della “abbellanza” di rame. Con il waterjet cutting godrai di tanti vantaggi innovativi.

Ottone nella lavorazione lamiere roma

L’ottone viene utilizzato per la decorazione per il suo aspetto luminoso oro; nella lavorazione delle lamiere per applicazioni in cui è richiesta una bassa attrito, come serrature, ingranaggi, cuscinetti, manicotti, bracci e valvole munizioni; Per impianti idraulici e elettrici; E ampiamente in strumenti musicali d’ottone come corna e campane dove si desidera una combinazione di alta lavorabilità (storicamente con strumenti a mano) e durata. Viene anche utilizzato in cerniere. L’ottone è spesso utilizzato in situazioni in cui è importante non scattare le scintille, ad esempio nei raccordi e negli strumenti utilizzati vicino a materiali infiammabili o esplosivi.

Le leghe di zinco in rame

In Asia Occidentale e in Medio Oriente le leghe di zinco in rame precoce sono ormai note in piccole quantità da numerosi terzi del terzo millennio BC nell’Egeo, nell’Iraq, negli Emirati Arabi Uniti, Kalmykia, Turkmenistan e Georgia e dai siti del 2 ° millennio BC nell’India Occidentale, Uzbekistan, Iran, Siria, Iraq e Palestina. Tuttavia, esempi isolati di leghe di rame-zinco sono noti in Cina fin da quando il V millennio aC.
Le composizioni di questi oggetti in ottone “ottone” sono altamente variabili e la maggior parte hanno un contenuto di zinco compreso tra il 5 e il 15% in peso che è inferiore rispetto all’ottone prodotto dalla cementazione. Nella lavorazione delle lamiere possono essere “leghe naturali” prodotte dalla fusione di minerali di rame ricco di zinco in condizioni di redox. Molti hanno contenuto di stagno simile agli artefatti contemporanei di bronzo ed è possibile che alcune leghe di rame-zinco siano accidentali e forse non si distinguono nemmeno dal rame. Tuttavia, il notevole numero di leghe di rame-zinco ora conosciute suggerisce che almeno alcuni sono stati fabbricati deliberatamente e molti hanno un tenore di zinco di oltre il 12% in peso che avrebbe portato ad un colore dorato distintivo.