Lamawaterjet » TAGLIO AD ACQUA » Lamawaterjet: fanno i tagli con l’acqua
Lamawaterjet: fanno i tagli con l’acqua2018-09-05T07:40:54+00:00

Lamawaterjet: fanno i tagli con l’acqua

fanno i tagli con l acquaSe cercate degli esperti che fanno i tagli con l’acqua per ogni materiale allora potete rivolgervi a Lamawaterjet, azienda che da oltre 30 anni opera nel campo della lavorazione della lamiera e che oggi è specializzata nella tecnologia del taglio a getto d’acqua. I nostri esperti infatti utilizzano la tecnologia water jet con la quale è possibile tagliare molteplici materiali fino a uno spessore di 25 cm. Le nostre macchine ad acqua sono inoltre in grado di realizzare tagli perpendicolari fino a 60°. Vediamo di capire come funziona questa tecnologia.

La tecnologia water jet è una lavorazione di tipo meccanico che ha particolari caratteristiche e permette di fare tagli con l’acqua per ogni materiale grazie alla lavorazione che utilizza un getto d’acqua abbinato a polvere abrasiva ad alta velocità. La combinazione di questi elementi permette di rimuovere o deformare il materiale senza applicare forza di taglio o effetti termici ma soprattutto non vengono utilizzati materiali e sostanze inquinanti difficili da controllare e smaltire.

Gli esperti che lavorano in Lamawaterjet fanno i tagli con l’acqua per ogni materiale utilizzando tutte le varianti della tecnologia water jet che viene comunemente utilizzata per tagliare materiali di consistenza anche elevata con pressione del taglio ad acqua tra i 400 e i 600 Pa e particelle solide del diametro di centinaia di micromeri immesse negli ugelli della macchina. Ecco quindi come il materiale tagliato venga poi rimosso per abrasione ed erosione, la prima avviene di striscio sulla parte superiore della parete della lastra già tagliata in parte, la seconda – erosione – sulle zone di impatto perpendicolare nell’area inferiore della lastra.

La tecnologia water jet è quindi un sistema che si avvale di componenti diverse, dal sistema di filtraggio e trattamento dell’acqua al sistema di adduzione dell’abrasivo. Vi sono poi un sistema per l’intensificazione della pressione e un movimentatore, un attenuatore e una testa di taglio.

I vantaggi e gli svantaggi di coloro che fanno i tagli con l’acqua

Uno dei vantaggi principali di coloro che fanno i tagli con l’acqua e utilizzano quindi la tecnologia water jet è la possibilità di lavorare su ogni tipo di materiale anche quelli che presentano alti spessori e sui quali non possono essere impiegate altre tecniche di lavorazione. La tecnologia water jet si adatta perfettamente a ogni materiale, dal più fragile al più robusto dal momento che è un taglio a freddo privo di sollecitazioni termiche che potrebbero danneggiare le caratteristiche chimiche della superficie.

Il principale risultato è l’assenza di tracce di ossidazione sui bordi del taglio e la rugosità ottenuta assieme alle bave di lavorazione sono talmente limitate da permettere di ridurre al minimo, se non eliminare completamente, i processi di finitura post-lavorazione comunemente impiegati per eliminare le sbavature. Inoltre la tecnologia di taglio ad acqua è non inquinante, non genera polveri e fumi e non richiede l’utilizzo di grassi e oli, confermandosi una scelta nel pieno rispetto dell’ambiente. Unico svantaggio è che il processo di taglio è molto rumoroso in quanto l’acqua esce dall’ugello primario a velocità supersonica. Infine si tratta di una tecnologia con costi di investimento iniziali per l’acquisto dell’impianto piuttosto elevati  a fronte di una bassa durata della vita media degli ugelli a causa di un elevato tasso di usura degli stessi.

Il processo del taglio ad acqua

Maggiori informazioni acquisirete su questa tecnologia, oggi sempre più utilizzata a scopo industriale, maggiore è la conoscenza dei vantaggi che offre alla tua impresa in termine di efficienza e qualità dei prodotti ottenuti. La tecnologia water jet ha una lunga storia ed entra nella scena della produzione industriale per il taglio dei materiali già nel 1970, ma solo dalla metà degli anni ’80 il team guidato dal Dr. Mohamed Hashish ne scopre le potenzialità per il taglio dei materiali duri. Una tecnologia dal meccanismo semplice ma allo stesso tempo complesso che vede quale protagonista l’acqua che scorre da una pompa. Se elementi e materiali sono facili da spiegare ecco come invece il processo di taglio ad acqua sia notevolmente più complesso.

Tecnologia e Design nella tecnologia del taglio ad acqua

Oggi la tecnologia water jet utilizza pompe con pressioni che vanno dai 60.000 ai 94.000 psi. Per rendere meglio l’idea l’acqua domestica esce dai tubi a 60 libbre per quadrato di pollice e i tubi di scarico forniscono circa 200 psi. L’azione dell’acqua pressurata è quindi tale da arrivare direttamente alla testa di taglio attraverso un impianto idraulico  a ultrasuoni e qui si unisce all’aria ad alta velocità. Grazie a una valvola On/Off l’acqua può poi passare attraverso un ugello dando vita a un flusso di acqua supersonica in grado di tagliare il materiale. Sebbene i psi siano elevati il processo di taglio ad acqua non si basa però sulla pressione, ma sulla velocità.  Consideriamo quindi che l’acqua viaggia a circa 103kn/h e il water jet a 400 kn/h circa tre volte la velocità del suono e quindi maggiore è la pressione e maggiore è anche la velocità del flusso d’acqua.