Lamawaterjet » TAGLIO AD ACQUA » Tagliare acciaio
Tagliare acciaio2018-09-05T07:43:39+00:00

Tagliare l’acciaio con le più moderne tecnologie

Tagliare acciaioTra le varie possibilità offerte dal taglio ad acqua c’è quella di tagliare acciaio, accanto agli altri modi per tagliare una piastra d’acciaio. Alcuni di questi sono maggiormente adatti alle piastre sottili di acciaio dolce, altri  a quelle più spesse e si tratta di tecniche che possono essere veloci o lente e dal costo più contenuto oppure decisamente alto. Anche la precisione varia di molto e di seguito facciamo una breve panoramica sui metodi principali utilizzati dalle macchine di taglio CNC, analizzando i punti di forza e i punti deboli di ognuno in modo che possiate comprendere quello più adatto a tagliare acciaio secondo le vostre necessità.

Il primo metodo è l’ossitaglio o taglio con torcia o taglio a cannello.

E’ il più vecchio processo per tagliare acciaio e si usa generalmente sull’acciaio dolce. Si tratta di una procedura davvero semplice che utilizza attrezzatura e materiali a basso costo. Con la torcia per ossitaglio si possono tagliare piastre molto spesse anche di 91 o 122 cm di acciaio. Se però si tratta di un taglio in forma da una piastra d’acciaio i migliori risultati si ottengono su piastre di 12 pollici o meno, pari a max 30 cm. La torcia per ossitaglio dona una superficie liscia e squadrata con il bordo superiore arrotondato dalle fiamme di riscaldamento ed è adatta a lavorazioni che non devono essere trattate successivamente.

Questa tecnica è ideale per tagliare acciaio in piastre più spesse di 2.5 cm ma arriva a 0.6 cm di precisione senza difficoltà pur essendo un processo piuttosto lento anche se si può utilizzare più torce alla volta aumentando la produttività. Gli altri  metodi che si possono utilizzare per tagliare acciaio sono il taglio al plasma, il taglio al laser e il taglio a getto d’acqua che è quello utilizzato da Lamawaterjet nelle sue lavorazioni e permette di raggiungere la massima precisione e flessibilità adattandosi a tutte le esigenze del cliente.

Taglio al plasma e taglio laser

Il taglio al plasma è la tecnica più utilizzata per le piastre di acciaio dolce e permette di ottenere una velocità superiore all’ossitaglio pur compromettendo la qualità dei bordi . E’ questo il principale punto debole del taglio al plasma per tagliare acciaio in quanto non si addice alla lavorazione di piastre molto sottili o molto spesse (oltre 3,8 cm) anche se uniformità e formazione di scorie sono comunque buone. L’attrezzatura in questo caso è più costosa dato che il sistema richiede vari elementi tra cui alimentazione elettrica, refrigeratore dell’acqua,  controllo del gas ecc. Ma la maggiore produttività permetterà di coprire rapidamente il costo dell’impianto. Ci sono clienti che montano addirittura tre o quattro sistemi al plasma per tagliare acciaio sulla stessa macchina, ma sono produttori di alto livello con elevato volume dei componenti che supportano la stessa linea di produzione.

Un altro metodo è il taglio al laser adatto a spessori fino 3,2 cm anche se a partire dai 2.5 cm tutto deve essere perfetto nella macchina compresa la qualità dell’acciaio, la purezza del gas e le condizioni dell’ugello. Non si tratta di una tecnica rapida dato che viene sfruttato il calore del raggio laser diretto sulla zona da tagliare ma è un processo davvero preciso che permette di tagliare contorni e piccoli fori.

Alta qualità del taglio laser

Se la velocità è limitata dalla reazione chimica tra acciaio e ossigeno dettata dalla fiamma di preriscaldamento, la perfezione raggiungibile con questa tecnica è davvero elevata. Un raggio laser permette di creare un solco davvero stretto e delimitare contorni e fori con estrema precisione e accuratezza. Anche la qualità dei bordi è eccellente e si notano dentellature piccole, solchi minimi, bordi molto squadrato e la presenza di poche o addirittura nessuna scoria. Inoltre è un processo estremamente affidabile con un’ottima automazione della macchina e molte operazioni si possono davvero fare a occhi chiusi, semplicemente premendo il pulsante Start e attendendo che la macchina restituisca i pezzi tagliati.

Il taglio ad acqua

L’ultimo e più innovativo metodo per tagliare acciaio è il taglio a getto d’acqua ideale se si cerca un risultato preciso ed accurato in quanto questa tecnica supera di gran lunga per precisione il taglio laser. I bordi infatti non sono sottoposti a sollecitazione termica e non si verifica quindi quella distorsione termica che caratterizza le altre tecniche sopra analizzate. Inoltre questa lavorazione non è limitata dallo spessore in quanto basta cambiare la potenza del flusso d’acqua per agire su superfici fino a 20,3 cm di spessore. L’unico inconveniente è il costo elevato soprattutto quello orario per il costo del Garnet abrasivo che si unisce all’acqua nel processo di taglio.